Referendum Lombardia e Veneto, Maroni: 'Da Gentiloni ok a confronto'. Zaia: 'Io premier? Resto in Veneto'

PRIMO PIANO
Dal mondo della Politica

Referendum Lombardia e Veneto, Maroni: 'Da Gentiloni ok a confronto'. Zaia: 'Io premier? Resto in Veneto'
24/10/2017

Referendum in Lombardia e Veneto il giorno dopo. 'Meglio di così non poteva andare. Ora il nostro interlocutore è il presidente del Consiglio'. Esulta Matteo Salvinidopo l'esito del referendum sull'autonomia. 'Nessun problema per la linea della Lega', aggiunge sulla partecipazione diversa in Veneto e Lombardia. Zaia vuole per il Veneto 'tutte le 23 competenze. Il popolo, non la politica, al 98% vuole un Veneto autonomo. Con questo voto prendono corpo le idee dei costituenti che vedevano un'Italia federalista'. 

"Il risultato in Lombardia e, soprattutto in Veneto non va minimizzato - scrive su Facebook il segretario del Pd Matteo Renzi -Il messaggio è serio: si chiedono più autonomia e più efficienza, maggiore equità fiscale, lotta agli sprechi a livello centrale e periferico. Il modo corretto per affrontare il futuro, per me, non è solo la procedura ex art. 116 Costituzione come chiedono i governatori (anche dell'Emilia Romagna), ma prendere atto che in Italia esiste una gigantesca questione fiscale. Ridurre la pressione fiscale: questa è la vera priorità"

Intanto mancano ancora i risultati definitivi del referendum in Lombardia, per - ha spiegato Maroni -  problemi tecnici con 300 chiavette. "Non mi devo scusare con nessuno - ha detto Maroni commentando i disguidi sul voto elettronico - semmai lo deve fare chi nei giorni del silenzio ha parlato a sproposito e invitato a non votare, il Pd si guardi in casa sua. Il Pd sperava in un flop del referendum - ha aggiunto - invece tre milioni di lombardi, e molti elettori del Pd, sono andati a votare". Maroni ha chiesto al Pd di "lasciare fuori dalla porta la politica" e iniziare a lavorare sui contenuti della trattativa col Governo.   Maroni ha riferito anche che Gentiloni "ha confermato  il via libera al confronto su tutte le materie previste dalla Costituzione, con anche il coinvolgimento del ministero dell'Economia" su quella del coordinamento del sistema tributario.  

'La politica è uscita da questa partita, adesso tocca al popolo'. E' un Luca Zaia raggiante quello che si presenta in conferenza dopo il  successo del veneto nel referendum per l'autonomia che ha visto una partecipazione del 57,2% degli elettori, che per oltre il 98% hanno votato sì all'autonomia della regione. A chi fa notare al governatore la dichiarazione di Cacciari, "Zaia pensi a candidarsi a premier, risponde che "non esiste, soprattutto davanti a un voto come questo bisogna stare qui in Veneto e fare presidio". 

Fonte: ANSA



VISITE: 215
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni