Gentiloni: 'Centrosinistra sia largo e unito, stia insieme'. Fassino vede Prodi

PRIMO PIANO
Dal mondo della Politica

Gentiloni: 'Centrosinistra sia largo e unito, stia insieme'. Fassino vede Prodi
17/11/2017

Ex segretario dei Ds: 'Con Bersani mi sono confrontato: rischio è Pd bonsai e Margherita'

"La sinistra deve aspirare a essere larga, a essere unita. Ho molto apprezzato lo sforzo che Walter Veltroni ha fatto in questi mesi a spingere il centrosinistra, che è quel qualcosa che va anche al di là della sinistra italiana, a stare insieme, uniti. Se pensiamo ai pericoli che ci circondano, li dobbiamo affrontare non contro qualcuno, ma insieme. Ci serve una sinistra consapevole, competente, capace di prendersi cura della società. E ci serve ora, naturalmente". Lo dice Paolo Gentiloni parlando del libro di Veltroni.

"La sinistra - sottolinrea Gentiloni - non può abitare" questa epoca "comportandosi come un'elite senza terra e radici, cosmopolita, digitale, che però non ha radicamento in un'identità, in un territorio. Non lasciamo l'identità ad altri. L'identità deve essere un fondamento della sinistra". "Questo nuovo mondo ha bisogno di democrazia, multilateralismo, identità vicine, ambientalismo, cultura. Sono i nostri valori, i valori sui quali le generazioni si sono formate nei decenni. Sono valori che si muovono, non stanno fermi. Non li possiamo contemplare e riscaldarci in un campo domestico. Dobbiamo fare anche cose scomode per portare i nostri valori in campo aperto", sottolinea.

"La lettura politica" del nuovo libro di Walter Veltroni "è un messaggio contro il rifugiarsi nel passato. Il fondatore del Pd - con cui anni fa invitavamo la sinistra italiana ad andare oltre il '900 - continua a sconsigliare anche nel suo romanzo, l'idea di rivolgere lo sguardo all'indietro. Le nostre biografie, che in parte sono diverse ma poi si assomigliano parecchio, non possono essere rassicuranti coperte di Linus. Sarebbe comodo e rassicurante rifugiarci al caldo delle nostre biografie".

 

Nel centrosinistra, intanto, continuano le grandi manovre. Piero Fassino, dopo aver incontrato ieri i presidenti delle Camera ha avuto oggi un colloquio con l'ex premier Romano Prodi. "E' stato un incontro molto positivo", ha detto dopo averlo visto a Bologna. "Prodi come padre dell'Ulivo e del Pd condivide e apprezza l'iniziativa che sto perseguendo per realizzare una comune strategia del centrosinistra. Anche incoraggiato da questo incontro - sottolinea Fassino - proseguirò i miei colloqui con i diversi esponenti del centrosinistra".

"Prodi - ha detto in una intervista a 'Democratica' - il padre dell'Ulivo e del Pd, condivide e apprezza l'iniziativa che stiamo perseguendo e che sto personalmente conducendo per una comune strategia del centrosinistra. Anche incoraggiato da questo incontro proseguo ora i miei colloqui. Dopo l'incontro di lunedì con Emma Bonino, Magi e Della Vedova, ieri ho incontrato i rappresentanti di Italia dei Valori, Socialisti italiani, Democrazia Solidale; domani vedrò i Verdi e entro la settimana Giuliano Pisapia e i dirigenti di Campo progressista", racconta Fassino. "Tutti sono consapevoli della necessità di superare le divisioni che ci sono e ricomporre una unità che corrisponda al sentimento e alle aspettative della nostra gente", spiega il mediatore incaricato da Matteo Renzi per le alleanze a sinistra del Pd. "Io penso che un programma coerente e credibile sia possibile. Per questo lavoro proseguendo nella tessitura di questa tela. Una volta concluso questo primo giro di incontri politici, ce ne sarà un secondo più concentrato sul programma, la famosa 'pagina bianca' da scrivere insieme, come ha detto Renzi". A Bersani, Fassino dice: "La domanda che sale dal popolo di centrosinistra è una domanda di unità, non di divisione. Tutti dovrebbero tenerne conto". Se Mdp si sfilasse il Pd resterebbe da solo? "No, tutt'altro. Noi stiamo acquisendo la disponibilità di molti soggetti che ho incontrato a costruire una alleanza di centrosinistra. Noi cerchiamo un confronto con tutti, anche con Mdp, Sinistra italiana e Possibile perché l'obiettivo è costruire l'alleanza più larga: ma anche se Mdp non fosse disponibile costruiremmo comunque un campo di forze largo per vincere la sfida delle elezioni".

"In questo momento sento che è in gioco qualcosa di molto importante, la possibilità per la sinistra di svolgere un ruolo rilevante. Credo non ci sia bisogno di tatticismi, bisogna andare alla sostanza delle cose. È possibile non ritrovarsi tra persone che hanno valore e idee comuni? Questa è la semplice domanda che si pongono i milioni di elettori di centrosinistra". Walter Veltroni, ospite stamani di "Circo Massimo" su Radio Capital, si dice preoccupato dell'esito delle prossime elezioni politiche.

"Con Pier Luigi Bersani mi sono confrontato. Se si continua sulla strada della divisione il rischio è che si creino una Margherita da un lato e un Ds 'bonsai' dall'altro. Se i protagonisti di queste vicende spostassero lo sguardo al futuro, capirebbero quanto sono piccole le polemiche di oggi". 

FONTE: ANSA



VISITE: 259
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni