Ballottaggio: M5S espugna Ostia, Raggi e Di Maio cantano vittoria

PRIMO PIANO
Dal mondo della Politica

Ballottaggio: M5S espugna Ostia, Raggi e Di Maio cantano vittoria
20/11/2017

Solo un quarto votanti alle urne,centrodestra dietro di 20 punti. Di Pillo, vittoria cittadini e voglia rinascita. Raggi, romani sono con noi per cambiamento. Picca (c.destra), a M5S voti Spada e Casapound

A Ostia trionfano i 5 stelle, nel primo Municipio di Roma commissariato per mafia. Il centrodestra fallisce 'l'avviso di sfratto' - come l'aveva definito - a Virginia Raggi, che esce rafforzata dal primo test indiretto sul suo mandato a un anno e mezzo dall'elezione. "I romani sono con noi per il cambiamento", esulta su twitter la sindaca. Il crollo dell'affluenza, scesa ancora, al 33,60% - un terzo dei votanti - non danneggia la candidata M5S Giuliana Di Pillo, che con circa il 60 per cento stacca di 20 punti la rivale di Fratelli d'Italia Monica Picca, che resta intorno al 40%. Un risultato che consegna ai cinquestelle uno dei pochi territori della capitale che ancora non governavano dopo le comunali del 2016. "È la vittoria di tutti i cittadini e della voglia di rinascita. Grazie di cuore!", twitta Di Pillo a caldo. Le fa eco Raggi: "I cittadini tornano protagonisti. Brava Giuliana! I romani sono con noi e per il cambiamento".

Per il candidato premier M5S Luigi Di Maio "l'effetto Raggi esiste ed è positivo". Ma la sconfitta del centrodestra ripropone la feroce polemica delle ultime settimane. La Picca sostiene che ai cinquestelle sono andati i voti degli Spada e di CasaPound: "All'idroscalo, dove sono rappresentati i voti di Casapound, noi abbiamo perso e loro hanno guadagnato circa mille voti", afferma. Di certo le vicende traumatiche delle ultime settimane non hanno spinto i cittadini ad andare nelle 183 sezioni elettorali sorvegliate da 400 agenti in più del primo turno. L'affluenza cala di altri 2,5 punti. alla chiusura dei seggi alle ore. Al primo turno era stata del 36,10%, secondo il sito del Campidoglio: il calo é quindi di oltre il 2,5%. Nel 2013, alle ultime Municipali svoltesi anche nel territorio di Ostia, l'affluenza era stata del 52,8%, quindi in quattro anni si sono persi oltre 20 punti percentuali. Alle Comunali del 2016, nelle quali non si votò per il Municipio di Ostia in quanto commissariato, l'affluenza era stata del 56,11%. La testata di Roberto Spada al giornalista Rai Daniele Piervincenzi, le manifestazioni antimafia e per la libertà di stampa, ma anche le accuse reciproche tra M5S e destra di avere l'appoggio del clan del litorale non hanno invogliato al voto. E così il destino del primo Municipio (ex Circoscrizione) di Roma, sciolto per infiltrazioni mafiose sull'onda dell'inchiesta 'Mondo di Mezzo' - con il minisindaco Pd Andrea Tassone arrestato e condannato a 5 anni - e commissariato per due anni viene deciso da meno del 40% dei 185.661 aventi diritto, su una popolazione di oltre 240 mila persone, come una città media. Una elezione che da locale si è fatta caso nazionale anche come primo test per la sindaca Raggi, che un anno e mezzo fa ebbe più del 76 per cento a Ostia.

Il territorio del litorale romano elegge una donna, la cinquantacinquenne educatrice Di Pillo, gia' consigliere municipale e poi delegata del litorale per la sindaca Raggi. Prevale sulla quarantaseienne insegnante Picca. Il neo presidente fronteggerà problemi come il lungomuro che oscura il mare per chilometri, i trasporti carenti nei 30 chilometri dal centro di Roma, l'abusivismo edilizio e la carenza di servizi nel vasto entroterra. E poi la presenza mafiosa, non solo degli Spada, ma anche dei Fasciani, dei Triassi e di altri clan. Un clima esemplificato dalla titolare di una friggitoria di Ostia, che prima , davanti alle telecamere Rai, definisce Roberto Spada "una brava persona, anche se ha sbagliato" e poi, appena un suo amico si allontana, bolla la famiglia del clan come "usurai".

"Noi governeremo con regole ferree, non facendo entrare la criminalità nelle istituzioni - ha detto la presidente eletta del municipio X di Roma, durante una conferenza stampa -. Fuori tutti, fuori tutte le persone che non seguono le regole e mai patti mai con nessuno. Faremo sempre bandi pubblici perché non è giusto fare affidamenti diretti. Dobbiamo stare a fianco delle forze dell'ordine che devono fare la loro parte e credo sia importantissimo lavorare a livello interistituzionale". "L'astensione c'è stata - ha spiegato Giuliana Di Pillo - e non possiamo negarlo ma il territorio viene da due anni di commissariamento. L'amministrazione straordinaria ha lavorato molto bene sul ripristino delle regole però proprio perché era una commissione straordinaria e non una parte politica non ha potuto coinvolgere i cittadini come un amministrazione con delle commissioni e consigli dove i cittadini possono essere coinvolti. Questo sicuramente ha allontanato i cittadini dall'istituzione e dalla politica però sarà nostro compito riappassionarli alla cosa pubblica. Daremo grande spazio all'ascolto".  

"Una vittoria sporcata dai clan e che vede un calo dei grillini di ben 17 punti percentuali, praticamente un crollo - ha spiegato in una nota Monica Picca sconfitta al ballottaggio -. Il cosiddetto 'Movimento' poi non ha vinto da solo ma con i voti della sinistra, di Casapound e della lista De Donno. Una convergenza di interessi in grande stile che comunque non ha scalfito il 40% conseguito dal centrodestra". a Ostia da Giuliana Di Pillo di M5S. "Sono stati purtroppo premiati l'immobilismo e l'incompetenza della Raggi", aggiunge l'esponente di Fdi-An, che correva per il centrodestra.

FONTE: ANSA



VISITE: 212
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Ok
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies. Maggiori informazioni